Skip to content Skip to navigation menu
 
 

DIN 18273

DIN 18273 - Indicazioni per porte tagliafuoco

Indicazioni per porte tagliafuoco

Le porte tagliafuoco possono essere impiegate per molto tempo. Qualora fossero necessarie delle modifiche nel corso del tempo, devono essere presi in considerazione i seguenti punti:

 

  • Una porta tagliafuoco deve essere omologata da un ente autorizzato.
  • Su porte tagliafuoco omologate non devono essere fatte alcune modifiche.

 

Per chiusure tagliafuoco si intendono porte o portoni autochiudenti conformi alla norma DIN 4102, sezione 5, che hanno la funzione di impedire la propagazione del fuoco. Le porte tagliafuoco vengono classificate a seconda della durata di resistenza al fuoco (T30 = 30 minuti, T60, T90 o T120). Questi tipi di porte devono adempiere ai seguenti requisiti di base:

 

  • Chiusura automatica
  • Adempimento dei requisiti tagliafuoco (prevenzione della propagazione del fuoco)
  • Affidabilità di funzionamento a lungo termine (200.000 operazioni di apertura e di chiusura)

  

 

Come devono essere prodotte le guarniture per porte tagliafuoco?

Per poter assolvere alla funzione antincendio, le guarniture per porte tagliafuoco devono essere prodotte secondo le specifiche stabilite dalla norma DIN 18273. Questa norma è valida per tutte le guarniture per porte tagliafuoco che vengono applicate a porte tagliafuoco e a porte antifumo. Oltre alle guarniture, fanno parte delle porte tagliafuoco anche altri elementi costruttivi collaudati, quali la serratura, le cerniere, il chiudiporta, ecc. Se a una porta tagliafuoco viene applicato un elemento costruttivo non collaudato, l'adempimento dei requisiti indicati in precedenza risulta compromesso.

 

 

Caratteristiche fondamentali degli accessori prodotti in conformità alla norma DIN 18273

  • I materiali utilizzati e le parti che costituiscono le guarniture per porte tagliafuoco devono essere tali per cui, con un montaggio corretto e un uso conforme alle istruzioni, l'efficacia della funzione antincendio della porta non venga pregiudicata.
  • Il quadro maniglia deve essere in acciaio, deve avere una sezione trasversale di 9 x 9 mm ed essere costituito da un solo pezzo in senso longitudinale.
  • Se le guarniture per porte tagliafuoco (per es. accessori in alluminio) sono realizzate con un materiale con punto di fusione inferiore a 1000 °C (300 °C per le porte antifumo), tutti i componenti che assolvono alla funzione antincendio (parte interna in acciaio della maniglia/blindatura e sottocostruzione in acciaio a rosette o placche / particolari di fissaggio in acciaio) devono essere realizzati in un materiale con punto di fusione superiore a 1000 °C. È importante che si possa transitare dalla porta tagliafuoco anche dopo un incendio.
  • Le guarniture per porte tagliafuoco devono superare il collaudo funzionale di durata (200.000 operazioni di apertura e di chiusura, 100.000 per gli accessori del battente), senza subire danni come ad esempio deformazioni e fessurazioni.
  • Per evitare il rischio di incidenti, le porte che si trovano in passaggi di sicurezza devono essere dotate di maniglie con la parte terminale adeguatamente piegata (ad esempio piegatura a gomito nel senso del piano del battente).

 

 

Le guarniture tagliafuoco HOPPE sono conformi alla norma DIN 18273 (utilizzabile fino a T90)

 

Tutte le guarniture tagliafuoco HOPPE sono dotate di perni lunghi per spessori porta maggiorati. In caso di guarniture con rosetta e quadro corto, i perni sul lato esterno sono ridotti da 7 mm a 6,2 mm di diametro. Ne deriva che l'inserto per chiave, a seconda della configurazione costruttiva della porta (eventualmente) deve essere almeno di 6,5 mm per accessori a rosetta. In caso contrario, La preghiamo di indicarci le dimensioni dell'inserto per chiave e l'esatto spessore della porta.

 

 

Le guarniture HOPPE per porte d'ingresso-tagliafuoco normalmente sono dotate di un pomolo fisso, un quadro cambio e la maniglia interna in versione fisso/girevole. Nei passaggi di sicurezza le guarniture a cambio possono essere applicate solo se la direzione di fuga è messa in evidenza.

Le guarniture antipanico (FS-AP) in genere vengono applicate a porte che danno accesso a vie di fuga e passaggi di sicurezza. Occorre quindi scegliere un modello la cui impugnatura sia piegata a gomito verso il battente della porta. Le guarniture antipanico devono sostanzialmente avere un sistema di montaggio della maniglia resistente a trazione e torsione. Tutte le guarniture tagliafuoco e antipanico HOPPE sono in vendita solo nella versione fisso/girevole e con quadro pieno tagliafuoco. In questo modo, la trasmissione di forza sul nocciolo della serratura è nulla.

Le guarniture per porte con anta fissa (FS-SF) sono realizzate con una placca esterna o con una rosetta cieca esterna. Il quadro (pieno) può essere adattato a seconda della sede della serratura stessa.

 

 

Nota:

Le guarniture tagliafuoco secondo la norma DIN 18273 sono incluse nella tabella delle norme edili A delle Direttive Edili Regionali e devono essere corredate del certificato di conformità come prova d'utilizzo.

 

Il certificato di conformità viene rilasciato da un ente riconosciuto preposto a collaudi e certificazioni, a condizione che il prodotto sia conforme alle disposizioni tecniche vigenti (in questo caso la DIN 18273), che venga sottoposto a regolari controlli di produzione interni e a ispezioni esterne da parte dell'ente certificatore. Le guarniture tagliafuoco HOPPE (non i vari accessori) sono certificate dall'ente di controllo della regione Renania del Nord/Vestfalia (MPA-NRW), sono contrassegnate dal simbolo Ü e garantiscono la prova d'utilizzo a norma di legge.